Stronghold Kingdoms Review

7 Voto generale
Grafica: 6/10
Performance: 9/10
Gameplay: 8/10

Tantissime feature | Forte enfasi su strategia e personalizzazione

Alcuni mondi hanno una popolazione davvero scarsa | grafica datata

 

Abbiamo dato un'occhiata approfondita a Stronghold Kingdoms, di Firefly Studios, uno strategico gestionale medievale gratuito nel quale i giocatori dovranno costruire il proprio villaggio, mettere insieme un esercito, espandere il proprio territorio e combattere contro IA e altri giocatori per il dominio totale del mondo. Bei tempi. Prima di cominciare, però, potreste voler dare un'occhiata al nostro video First Look.

Abbiamo giocato una marea di questi giochi ma cerchiamo di approcciarli sempre a mente fresca e aperta, sperando di trovare qualcosa di diverso.

 

Stronghold Kingdoms screenshot (8) Stronghold Kingdoms screenshot (7) Stronghold Kingdoms screenshot (6) Stronghold Kingdoms screenshot (5)


Una bella sorpresa ce la siamo trovata davanti nelle opzioni di selezioni del mondo, dove si troveranno le mappe di Europa e Stati uniti completi di regioni, città e paesi identici al mondo reale (pur non essendo storicamente accurate, visto che il medioevo arriva al quindicesimo secolo e gli stati uniti furono colonizzati dagli europei nel sedicesimo secolo), quando scegliete la vostra mappa mondiale, potrete poi decidere stato/regione e location di partenza per il vostro insediamento iniziale. La buona notizia è che la nuovissima World Map edition vi permette di giocare sul regno unito nella sua interezza, una terra ricca di storia di quel periodo. La mappa è divisa in vari paesi che ci hanno permesso di cominciare proprio da casa nostra, nella contea di Lancashire, anche se un po' più a nord di dove viviamo noi.

L'unico problema che abbiamo trovato è che quando entrate in un mondo, il gioco vi comunica quanto ogni regione è popolata prima di stabilire il vostro insediamento, cosa che determinerà quanti giocatori ci sono e quindi se vi aspetta un gameplay ricco di interazioni con gli altri utenti o se invece vi troverete in un'area scarsamente popolata che vi permette di giocare senza essere infastiditi. La nostra area a scarsa popolazione era un po' più vuota di quanto ci aspettassimo, ma non riuscivamo praticamente a vedere altri giocatori nell'intera contea, anche se la cosa ci andava bene visto che l'IA non ha avuto problemi a offrirci una sfida adeguata.

Il tutorial è relativamente approfondito e ci ha portato a esplorare le feature estese che ci hanno fatto realizzare velocemente che, mentre di solito molti giochi di questo genere si concentrano su un particolare set di feature, come ad esempio piazzare edifici su lotti di terra predeterminati, costruire attivamente mura e difesa in stile gioco castle defense, scegliere come avanzare negli alberi di ricerca, etc. sembra che Stronghold Kingdoms riesca a offrire un po' di tutto.

Riguardo alle feature che abbiamo apprezzato partiremo dalla base, ovvero dalle carte strategia, sempre un tasto dolente per un TCG. Le carte aggiungono una nuova dimensione strategica al gioco e sono divise in una manciata di categorie, fornendo bonus istantanei alle risorse quando vengono utilizzate, bonus per un certo periodo di tempo, truppe reclutate istantaneamente, truppe più veloci, più potenti e migliori in difesa. Le carte vengono ottenute occasionalmente tramite gameplay generale, ma di solito vengono acquistate con Firefly crown, anch'esse ottenute occasionalmente o acquistate come valuta premium. Potrete acquistare bustine di carte strategiche (elemento tipico dei GCC). I giocatori devono avere un certo rank per giocare determinate carte, il che significa che i giocatori non possono semplicemente comprare la vittoria e devono comunque salire di livello ottenendo XP come chiunque altro, anche se il modo in cui questo influenza l'endgame e quanti vantaggi effettivi avranno i giocatori paganti è un elemento difficile da definire senza averlo provato.

 

Stronghold Kingdoms screenshot (1) Stronghold Kingdoms screenshot (4) Stronghold Kingdoms screenshot (3) Stronghold Kingdoms screenshot (2)


L'albero di ricerca è leggermente diverso da quanto visto in altri lidi e ci è piaciuto davvero. All'apparenza sembra la stessa cosa, con i giocatori impegnati a guadagnare punti ricerca in vari modi e a utilizzarli per sbloccare nuove tecnologie, ma anche dando un'occhiata veloce potrebbe ricordarvi le meccaniche di Civilization, dove sbloccare determinate tecnologie è un requisito per ottenere accesso a tecnologie più avanzate, non era proprio la stessa cosa. Quando spenderete un punto ricerca in una tecnologia, cosa che richiede qualche minuto, otterrete istantaneamente accesso a quella tecnologia. I giocatori però possono spendere punti multipli nella stessa tecnologia per sbloccare tecnologie avanzate. Ad esempio se vogliono farsi strada nella tecnologia "Justice", i giocatori vi spendono un puntoper ottenere accesso alle stanze di tortura, un edificio piazzabile nel villaggio, un punto extra vi fornisce accesso al rogo (era il medioevo dopotutto), un altro punto sblocca il cavalletto e infine un ennesimo punto sblocca la gabbia sospesa; quindi si ottiene qualcosa per ogni punto speso nella tecnologia primaria. All'inizio effettivamente non avevamo capito come funzionasse il tutto, pensando di dover spendere l'intero ammontare di punti in una tecnologia prima di avervi accesso, quindi nel nostro tentativo di sbloccare la tecnologia di allevamento dei bovini abbiamo speso otto punti nel ramo ritrovandoci a essere i più grandi produttori di formaggio del Lancashire!

In alternavia vi sono i prerequisiti; ad esempio i giocatori cominciano sempre con un punto ricerca nella tecnologia "Comando"; con un punto sbloccano automaticamente la tecnologia "reclutamento" per avere accesso alle truppe formate dai paesani, spendendo due punti in comando otterrete la tecnologia arco luungo, con tre punti si arriva alle picche... e così via. Comunque, reclutamento, arco lungo, picca e altri avevano tutti le proprie linee tecnologiche che fornivano a ogni giocatore individuale un totale di migliaia di percorsie  variazioni possibili, una quantità ben più ampia di quanto visto nei vari giochi della serie Civilization (nei quali l'albero tecnologico si suppone sia qualcosa di grosso), i quali offrono solo una manciata di variazioni che i giocatori possono scegliere prima di ritrovarsi sullo stesso percorso.

Costruire il vostro villaggio è cosa abbastanza figa, ci vuole un po' per raccogliere abbastanza risorse e punti ricerca per sbloccare nuovi edifici, a sottolineare che il gioco è un MMO a lunga strategia e non qualcosa al quale dedicherete ore di gioco alla volta, trovandovi invece spesso a rapide toccate e fughe. Vi è la totale libertà riguardo a dove piazzare edifici e decorazioni di ogni tipo (come le camere di tortura e il rogo!) e potrete riempire ogni angolo e fessura. In maniera simile, ma totalmente diversa, i giocatori possono costruire il proprio castello in puro stile castle defence, piazzando a mano ogni segmento di mura, le torri, le difese e persino le truppe difensive.

Anche se non siamo riusciti a esplorare il combattimento in dettaglio a causa dell'ammontare di tempo richiesto per costruire un esercito minimamente decente, il concetto generale è di produrre truppe, identificare il bersaglio e attaccarlo (al prezzo di risorse), anche se i giocatori hanno l'opzione di lanciare diversi tipi di attacchi come saccheggio, soqquadro, vandalismo, cattura, ognuno con le proprie caratteristiche volte ad accumulare risorse ed espandere il vostro territorio. Il combattimento funziona abbastanza bene e potrete piazzare le vostre truppe fuori dal territorio nemico, scegliendo quali truppe vorrete mandare per poi lanciare l'attacco, tenendo in conto che ci possono volere ore prima che l'esercito raggiunga il bersaglio. Dopodiché i giocatori possono controllare un rapporto di battaglia per scoprire come è andato l'attacco e quante truppe sono state perse, che si sia ottenuta una vittoria o una sconfitta.

Ci sono troppe feature in gioco per coprirle tutte e come abbiamo detto sembra che sia stato aggiunto un po' di tutto, cosa che ci ha fatto parecchio piacere. Purtroppo si tratta di un gioco che richiede una dedizione davvero esemplare per avere successo, visto che se vi trovate a scontrarvi con un giocatore e non siete riusciti a stringere potenti alleanze diventando un vassallo o mettendo insieme un enorme esercito, le chance di stare per diventare una macchia di sangue sulla mappa e un ricordo distante sono molto alte.