RIFT, ecco la nostra recensione

7 Voto generale
Grafica: 7/10
Gameplay: 8/10
Sonoro: 6/10

Numerose attività disponibili | profondo sistema di housing | alta personalizzazione delle build

Quest generiche e ripetitive | Solita ambientazione fantasy non particolarmente ispirata

 

Sviluppato da Trion Worlds e rilasciato nel 2011, Rift: Plans of Telara è uno dei pochi MMORPG recenti che sono riusciti ad avere una rispettabile vita come pay-to-play prima di essere costretti a capitolare, l'estate scorsa, in favore della moda del momento: il free-to-play. Il gioco non è niente di meno di un MMORPG themepark fantasy di alta qualità con due fazioni, gameplay a quest-hub, combattimento a tab-target, dungeon, battleground PvP e tutto quello che vi aspettereste di trovare in qualunque moderno MMORPG. In effetti Rift offre un'esperienza di gioco tremendamente simile a World of Warcraft, ma contornandola da una grafica migliore e da uno stile meno cartoonoso. Ovviamente il gioco ha i propri meriti e alcuni elementi originali, ma quello che alla fine molti nuovi giocatori o casual player penseranno sarà probabilmente "Oh, guarda, una versione gratuita di WoW!"; ma questa è una cosa buona o cattiva? Continuate a leggere la nostra recensione e rispondete da soli alla domanda.

Rift screenshot (3)_1

CREAZIONE DEL PERSONAGGIO

La creazione del personaggio di Rift è interessante. Comincerete scegliendo una delle due fazioni disponibili: i Guardians, comprendenti le razze che hanno riposto la loro fede negli dei, e i Defiants, che incolpano gli dei per quello che sta accadendo su Telara e preferiscono realizzare il proprio piano personale per salvare il mondo. Ogni fazione offre tre razze uniche: Mathosian (umani), Elfi Alti e Nani per i Guardian, e Eth (umani), Kelari (razza elfica) e Bahmi (una razza massiccia dalla pelle purpurea) per i Defiance. A questo punto dovrete scegliere una di quelle che il gioco chiama "Calling": in pratica un archetipo che definisce gli stili di gioco a vostra disposizione; potrete scegliere tra warrior, cleric, mage e rogue. Adesso, potremmo anche chiamare queste "Calling" classi, ma sono più un approccio generale alle tradizionali classi, e possono essere specializzati tramite le soul (di cui parleremo meglio in seguito) al fine di ricoprire diversi ruoli o stili di gioco. Per esempio, il rogue può giocare come DPS, tank o support, mentre un mago può giocare come DPS, healer o support, e così via. A questo punto sceglierete il vostro "Purpose" da una buona selezione di build pre-esistenti, che vi aiuteranno a definire il vostro ruolo e stile di gioco iniziali e vi aiuteranno a spendere i vostri primi punti soul. La personalizzazione dell'aspetto è abbastanza buona, forse non ai livelli di molti dei MMORPG più recenti, ma vi permetterà di smanettare con qualche slider e un quantitativo decente di opzioni per rendere il vostro avatar unico.

Rift screenshot (2)_1

PRIMI PASSI

Se avete mai giocato a World of Warcraft o a qualunque altro MMORPG in stile WoW, non avrete alcun problema nell'abituarvi a Rift. Ogni cosa, dalla visuale, ai controlli, al sistema di combattimento, è assolutamente identico a quello del re e dei suoi innumerevoli cloni, il che non deve per forza essere considerato un lato negativo se questo sistema vi piace; dopotutto, se qualcosa funziona, perché cambiarlo? In ogni caso, se siete dei neofiti dei MMORPG non preoccupatevi, la prima manciata di quest in Rift, oltre a introdurre il lore e la storyline del gioco, funge da tutorial, insegnandovi tutto quello che avete bisogno di sapere per godervi il gioco appieno. Inoltre, alcune di essere presentano anche sequenze animate e doppiate che aiutano notevolmente a immergervi in Telara e non sono affatto male da guardare.

Completando quest e uccidendo mostri otterrete XP per livellare ed equipaggiamento per il vostro personaggio. Salendo di livello riceverete nuove abilità, ottenute in maniera automatica senza bisogno di alcun trainer, e soul point, che possono essere spesi in tre soul tree. Le soul sono una delle particolari caratteristiche di personalizzazione del proprio personaggio e della classe offerte da Rift, e sono a metà strada tra le solite classi e gli alberi dei talenti degli altri MMORPG. Comincerete la vostra avventura con tre soul, con la possibilità di ottenerne di più a livelli più alti. Spendendo soul point in un soul tree migliorerete alcuni aspetti del vostro personaggio relativi a un ruolo particolare o alle armi utilizzate e otterrete nuove abilità; ad esempio, se cominciate con un rogue Shadow Stalker, avrete accesso sin dal principio a una soul tank, una soul DPS corpo a corpo e una soul che utilizza archi e pet. Ovviamente potrete spendere punti in diversi alberi di abilità per combinare le abilità delle varie soul e creare la vostra build personalizzata.

Rift screenshot (1)_1

Rift vi permette di sbloccare diversi tipi di contenuti a certi livelli. Al livello 10 avevamo a nostra disposizione elementi come PvP, Instant Adventure e le Dimension (player housing). Abbiamo provato un paio di match PvP, chiamati Warfronts, disponibili in diverse modalità di gioco. Quella che abbiamo provato era una modalità in stile capture-the-flag e anche se abbiamo fatto di tutto per aiutare il nostro team, non c'era molto che potevamo fare al livello 10, visto che il gioco vi associa a giocatori di livello dal 10 al 19 e il match era pieno di giocatori di livello 17-19 che potevano distruggerci in due o tre colpi mentre noi non riuscivamo nemmeno a far loro il solletico. In ogni caso è stato un diversivo gradevole, e possiamo immaginare come i giocatori dotati di uno spirito più competitivo possano apprezzare il tutto.

Le Instant adventure sono state una bella sorpresa e una caratteristica unica di Rift. In pratica potrete sceglierne una tra quelle disponibili nell'apposito menù e mettervi in coda. Appena il sistema riesce a trovare altri giocatori adatti, formerà un gruppo e vi teletrasporterà in un punto specifico del mondo (non istanziato) dove cominceranno una serie di brevi avventure dalla struttura simile a una quest. Voi e il vostri nuovi compagni avrete il compito di portare a termine l'intera catena di compiti e sarete ricompensati con XP e altra robetta utile. Pur non facendo gridare al miracolo, pensiamo che queste Instant Adventure siano una caratteristica fresca e interessante che vi aiuterà a rompere la monotonia del quest-farming facendovi giocare con altri utenti senza il fastidio di dover cercare gruppo o la difficoltà di un'istanza.

Le dimensioni solo la versione di Rift delle abitazioni dei giocatori. A un certo livello otterrete l'accesso alla vostra dimensione personale: un piccolo appezzamento di terra che contiene una minuscola capanna e che può essere personalizzato aggiungendo una quantità impressionante di oggetti per le dimensioni trovati durante le vostre peripezie su Telara. Potrete ovviamente comprare dimensioni di diverso tipo e grandezza, ma il vero piatto forte è la possibilità di posizionare ogni oggetto nel punto esatto in cui lo volete e nella posizione desiderata, anche a mezz'aria. Questo incredibile livello di libertà concesso vi fornisce la possibilità di lasciarvi andare totalmente all'immaginazione. Durante il nostro test avevamo a nostra disposizione una manciata di oggetti da piazzare, ma ci siamo presi il tempo di fare un giretto nelle dimensioni degli altri giocatori ad accesso pubblico e quello che abbiamo visto aveva dell'incredibile: un giocatore aveva costruito una gigantesca mappa piena zeppa di corridoi, sottopassaggi e stanze piene di roba pazzesca come una sala a tema natalizio contenente pupazzi di neve, un albero con sotto i regali etc, e a sovrastare tutto questo, un complesso jumping puzzle pieno di trick e trappole; un altro utente aveva creato un intero zoo, ricreando tutti gli animali (in maniera magistrale) con l'utilizzo di oggetti come frutta, piante, rocce e altra roba. Non possiamo assolutamente immaginare l'ammontare di tempo necessario per creare qualcosa del genere, ma ci sentivamo in dovere di condividere con voi l'esperienza anche solo per farvi capire la sorprendente profondità e le possibilità offerte dal sistema di dimensioni di Rift.

Rift screenshot (4)_1

GRAFICA E SONORO

Mentre il motore grafico del gioco permette un'esperienza fluida e priva di problemi anche con macchine non proprio di ultima generazione, la grafica comincia a mostrare il peso degli anni; con questo non intendiamo dire che sia brutta, perché è anzi piuttosto gradevole e curata, ma che semplicemente non regge il confronto con i MMORPG di ultima generazione in termini di definizione delle texture e dettagli. Gli effetti di luce e ombre sono notevoli, e mentre le animazioni sono solitamente precise e naturali, capita a volte di vederne alcune totalmente slegate le une dalle altre - cosa che avviene ad esempio quando ci si muove in combattimento - e la cosa potrebbe risultare ad alcuni fastidiosa da guardare.

Non c'è molto da dire riguardo un comparto audio senza infamia né lode che riesce a mantenersi sulla sufficienza. Le tracce di background sono apprezzabili, ma i suoni di combattimento e i versi dei mostri non sono nulla di sorprendente, risultando piuttosto anonimi e privi di spessore. La presenza del doppiaggio in alcune scene (poche, dobbiamo dire) aiutano ad aumentare il valore generale del prodotto, ma non sono un elemento così presente e incisivo.

CONCLUSIONI

Con la sua recente incarnazione free-to-play, Rift è facilmente diventato uno dei più solidi MMORPG fantasy gratuiti in stile WoW presenti sul mercato. Purtroppo il gioco comincia nel complesso a sentire il peso degli anni che si porta sul groppone, ma è ancora in salute e pieno di vita, e di certo di gran lunga superiore alla maggior parte dei suoi concorrenti. Se state cercando una versione gratuita di WoW con qualche caratteristica fresca e interessante, come un profondissimo sistema di housing, e non vi dispiace uno stile grafico votato a un maggiore realismo, dategli una possibilità, non ne rimarrete delusi.