Recensione di Mythborne

5 Voto generale
Grafica: 6/10
Gameplay: 5/10
Sonoro: 4/10

Grafica grandiosa per questo tipo di gioco | Interessante interpretazione della mitologia greca

Non offre molte differenze rispetto ad altri titoli del genere | Musica piacevole ma corta, vi troverete spesso in silenzio

 

Ci siamo recentemente presi un po' di tempo per provare uno dei nuovissimi giochi R2Games, Mythborne, un MMORPG fantasy gratuito molto simile al filone a cui appartengono titoli come Wartune, League of Angels, Knight's Fable; la compagnia ha uno stile di gioco a cui vuole attenersi e, visto il successo degli altri titoli, possiamo capire il perché.

 

Mythborne - news


Vi dirò apertamente che non è esattamente il tipo di giochi che io, il recensore, apprezzo particolarmente, a causa dell'ammontare di contenuti automatizzati che vi si trovano tipicamente all'interno. Comunque, confronto agli altri esponenti del genere, dobbiamo dire che ha decisamente delle qualità apprezzabbili e che riesce a distinguersi per varie ragioni.

Durante i nostri primi passi nel gioco, dopo una semplice registrazione, siamo stati accolti con una schermata di creazione del personaggio che essenzialmente vi permette di scegliere se essere maschio o femmina e di scegliere il vostro nome. E non vi è assolutamente personalizzazione del vostro avatar, con il vostro personaggio che assomiglierà tremendamente a chiunque altro, anche se questi giochi non sono esattamente conosciuti per la loro community di giocatori di ruolo, quindi probabilmente la cosa non è troppo importante.

Le modalità di gioco sono abbastanza semplici, ma  il gioco è decisamente apprezzabile a livello grafico per un RPG a visuale isometrica, con magnifici personaggi e ambienti che sono veri e propri pezzi d'arte. Al di là di questo, il gioco rispetta gli standard del genere che ci saremmo aspettati di trovare; ci si muove automaticamente da NPC a NPC, cliccando il pulsante NEXT per skippare i dialoghi (in questo tipo di giochi solitamente non è davvero importante leggere la storia, visto che i contenuti effettivi entrano in gioco solo nelle fasi avanzati di gioco), e accettando una quest dopo l'altra che ci guideranno in battaglia. Dopo letteralmente alcuni passi in gioco ci è stato chiesto che tipo di classe volessimo giocare come parte della storia, cosa abbastanza inutile e non abbiamo idea del motivo di questa scelta invece che di adottare la solita creazione del personaggio; ma andiamo avanti.

 

Mythborne screenshot (3) Mythborne screenshot (2) Mythborne screenshot (1) Mythborne screenshot (4)


Il gioco ruota attorno a una versione reinterpretata della mitologia greca, con tantissimi nomi che saltano fuori del calibro di Medusa, Hercules, Poseidon e ovviamente Zeus, con una storia abbastanza generica nella quale come al solito siete l'unico salvatore del mondo. Elemento in comune con questo stile di gioco è che la storia è indirizzata sul giocatore individuale e i contenuti sono simili a un gioco single player. Mentre andavamo da NPC di quest a NPC di quest, saltando a una battaglia all'altra e venendo inondati da XP, tanto da raggiungere il livello 20 in 20 minuti di gioco senza sforzarci più di tanto. Le feature vengono sbloccate man mano che proseguite, in un metodo casuale di introdurre nuovi sistemi salendo di livello, incluso il reclutamente di nuovi eroi nel vostro gruppo (che vi aiuteranno a compensare i difetti della vostra classe).

Il combattimento si differenzia leggermente da altri giochi di questo tipo, anche se vi trasmette comunque la sensazione di semplici battaglie unidirezionali dove farete fuori i nemici senza troppa fatica. La differenza sostanziale è che stavolta il combattimento non è totalmente automatico, visto che controllerete il vostro personaggio scegliendo abilità e poteri da scatenare in battaglia. Da mago abbiamo dovuto accumulare la "rabbia" con i nostri attacchi primari per lanciare colpi più potenti (non abbiamo controllato le altre classi, ma immagino che questo sistema di "rabbia" funzioni esattamente allo stesso modo, visto che sembra inappropriato che un mago si affidi alla "rabbia" invece che al mana tradizionale).

Tirando le somme ci siamo trovati davanti a tutto quello che ci saremmo aspettati da questo tipo di MMORPG, con feature decisamente migliorate e aggiornate, con un look grafico grandioso. Il gioco comunque non differisce molto dagli altri tioli della compagnia, e mantiene lo stesso gameplay di base.