Recensione di Chaos

4 Voto generale
Grafica: 7/10
Gameplay: 2/10
Performance : 4/10

Grafica abbastanza decente

Tutto il resto

 

Abbiamo deciso di sottrarre un po' di tempo ai nostri numerosi impegni per dedicarci a una sessione di gameplay estesa di Chaos (dovreste decisamente dare un'occhiata al nostro video First Look) di Joybit, un browser RPG fantasy. Il gioco venne originariamente sviluppato per il mercato asiatico e la cosa è evidente guardando meccaniche, feature e personaggi femminili anche troppo ben forniti (una delle immagini di caricamento che appare in continuazione è letteralmente una maga formosa con una staffa fra le sue, beh, avete capito...). Come al solito partiamo dicendo che questo tipo di giochi non sono proprio tra i nostri preferiti ma cerchiamo comunque di approcciarli con una mentalità il più aperta possibile e privi di pregiudizi dovuti alle passate esperienze.

Cominciamo col dire che la grafica è abbastanza gradevole, diciamo un mix tra Path of Exile e Torchlight; I modelli sono ben realizzati (anche se a volte risultano un po' spigolosi) e ambienti e UI fanno il proprio dovere. La presenza di formose damigelle, di cui vi abbiamo già accennato, pur essendo esagerata, è rappresentata da illustrazioni notevoli. Il sonoro invece è qualitativamente accettabile ma presenta una singola traccia ripetuta in loop che vi si ficcherà senza ombra di dubbio nel cervello.

Queste sono probabilmente le cose migliori che abbiamo da dire sul gioco e il resto di questa recensione sarà in pratica un analizzare le varie feature del gioco e dirvi perché non ci hanno convinto affatto.

 

Chaos screenshot (10) Chaos screenshot (9)


Cominciamo con i piccoli intoppi: cercando di entrare nell'account che abbiamo utilizzato per il nostro video First Look ci siamo accorti che non riuscivamo a ricordare la password, di conseguenza abbiamo fiduciosamente cliccato sul pulsante per recuperarla, il quale ci ha prontamente spedito su una pagina scaduta di un forum che diceva che avevamo bisogno di eseguire l'accesso con il nostro account per procedere. Geniale. Abbiamo quindi deciso di creare un nuovo personaggio scegliendo una delle due classi disponibili: Paladino e Guerriero, estremamente simili tra loro in quanto entrambe classi corpo a corpo dotate di elementi magici e con l'unica differenza rappresentata dall'una che è più resistente dell'altra. Il generatore di nomi è ridicolo e vi offre dei nomi assolutamente antieroici (come dimenticare “PrunellaBerkley”, il nostro preferito dell'ultima volta).

Abbiamo eseguito l'accesso e ci siamo trovati davanti un motore davvero pessimo. Molto spesso i mob appaiono e vi attaccano prima che il modello del vostro personaggio abbia finito di essere caricato, quindi vi troverete una strana silhouette simile a un'icona personaggio di MSN o addirittura saranno i nemici a non caricare, e starete attaccando una creatura invisibile semi luminosa. Non importa, non avete bisogno di vedere i vostri nemici visto che il gioco parte direttamente in combattimento automatico; uccide i nemici, corre verso gli NPC ai quali dovrete parlare e, a meno che non premiate invio, skippa i dialoghi dopo 10 secondi per andare alla missione successiva. L'intrusività dei meccanismi AFK è ridicola, al punto che a un certo punto stavamo giocando sul nostro monitor secondario mentre facevamo altro, cliccando semplicemente invio quando non si poteva skippare qualcosa.

Giocare sul nostro piccolo monitor secondario 1024x768 era qualcosa di veramente ridicolo visto che, come tutti questi giochi, anche Chaos vi inonda di icone e pop-up che cercano di farvi spendere soldi e vi offrono ricompense giornaliere, per il login e tanto altro, riducendo lo spazio dedicato al gioco vero e proprio ai minimi termini, circa 300x300 pixel, e non vi era alcuna opzione per cambiare la risoluzione.

L'arco narrativo è una strana fusione di qualunque mitologia occidentale e religione disponibile e combina l'angelo Gabriele, Thor e Ercole con una varietà di divinità e incredibili poteri nella lotta contro il cattivone/cattivona di turno: Lilith. Il gioco ruota attorno alla sparizione di Dio e all'apparizione degli “Asmodiani” provenienti dalle viscere dell'inferno per distruggere gli umani, un tema già visto e riproposto così tante volte che sta diventando un vero e proprio meme. Per aggiungere al danno la beffa vale la pena citare una terribile localizzazione inglese, anche se abbiamo visto di peggio, quindi potreste considerare la cosa parzialmente positiva?

 

Chaos screenshot (7) Chaos screenshot (6)


Il “Gameplay” è pubblicizzato come “RPG d'azione” ma in realtà non avrete mai più di 2 abilità per volta, con un massimo di abilità tra cui scegliere che sembra essere di 5 al livello massimo. I giocatori devono invece reclutare eroi tramite uno strano sistema di estrazione mineraria per ottenere gemme e acquistare eroi da inserire nel vostro gruppo e che combatteranno al vostro fianco. I giocatori raccolgono equipaggiamento, cavalcature, eroi e abilità e le potenziano. Praticamente qualunque cosa può essere potenziata allo stesso livello del vostro personaggio e non oltre e, ovviamente, questi potenziamenti costano argento.

Giocando in modalità semi AFK come il gioco sembra spingervi a fare non abbiamo prestato più di tanta attenzione al potenziamento dei vari elementi e siamo volati attraverso i 10 livelli di campagna in solitaria del capitolo 1 senza versare una goccia di sudore. Fino a questo punto (intorno al livello 25) non avevamo mai avuto bisogno di anche solo guardare il gioco visto che si giocava da solo, finché non abbiamo sbattuto contro un muro (metaforico). A partire dal decimo livello del primo capitolo abbiamo affrontato “Mosè” l'imp di fuoco (si, avete letto bene...), o per essere precisi un drago sputafuoco che ha letteralmente fatto a pezzi noi e i nostri compagni. Siamo passati a provare la modalità Space Battle, una modalità a orde di mostri nella quale cercherete di progredire in vari livelli e anche qui siamo stati annientati. Ok, forse è tempo di un upgrade? Nessun problema, abbiamo tantissimo argento. Visto che dovrete potenziare ogni singolo pezzo di equipaggiamento individualmente e noi non li avevamo mai potenziati dal livello 3 ci siamo trovati a essere un po' scarsetti per il grado di sfida di quel momento (all'improvviso), ma sfortunatamente quando siamo andati a spendere l'argento per potenziarci abbiamo scoperto l'esistenza di un simpatico cooldown di 10 minuti che entra in gioco dopo aver potenziato un singolo pezzo e vi costringe ad aspettare prima di poterne potenziare un altro a meno che non pagate oro (la valuta premium del gioco) per azzerare il timer.

Abbiamo quindi deciso di provare a potenziare un po' di altra roba, trovandoci davanti gli stessi problemi di cooldown. Allora ci siamo lanciati nell0arena PvP per vedere se ci avremmo guadagnato qualcosa di utile. Visto che non avevamo partecipato al PvP finora ci siamo trovati in un rank basso a combattere contro utenti dello stesso rank, il che significava annientare personaggi di livello 1 con il nostro livello 25... finché non siamo incappati in un altro cooldown. Il PvP è davvero privo di senso e anche qui il combattimento è automatizzato. Ci sembra davvero difficile credere che abbiano avuto il coraggio di definirlo RPG d0azione con PvP quando il massimo che avete a disposizione sono due abilità in croce e la personalizzazione tra le due classi simili è quasi inesistente, combinazione che porta il gioco a essere un caso di “chi ha il livello più alto e l'equipaggiamento migliore vince”.

Per concludere, non è un titolo decente. Troverete le solite meccaniche di combattimento automatizzato trite e ritrite e persino se sceglierete di giocare in manuale il gioco non è affatto divertente visto che praticamente non averete abilità e potrete solo cliccare sui nemici per attaccarli ancora e ancora.

 

Chaos screenshot (4) Chaos screenshot (3)