Ghost Recon Online

Ghost Recon Online - logo640
7 Voto generale
Grafica: 8/10
Gameplay: 7/10
Sonoro: 6/10

Innovativo sistema di coperture | Grafica curata e piacevole | Funzionale sistema di classi | Mappe strutturalmente molto valide

Sistema di selezione delle mappe | Può risultare frustrante finché non ci si prende la mano

 

Recentemente ci siamo presi la briga di testare con mano Ghost Recon Online, la più recente aggiunta al catalogo della famosa serie Ghost Recon, di Ubisoft. Molti consolari probabilmente avranno già una certa familiarità con la serie, o ne avranno almeno sentito parlare, eppure, questa nuova incarnazione del marchio Ghost Recon è al momento disponibile esclusivamente in versione PC. Inoltre, anche se durante l'E3 del 2011 la Nintendo affermò che era in progetto il lancio di una versione Wii U del gioco, Ubisoft ha precisato che in questo momento tutti gli sforzi sono concentrati esclusivamente sulla versione PC.



Il gioco, che si propone di rimanere fedele ai suoi predecessori, si unisce a una lunga lista di MMOFPS gratuiti con cui confrontarsi, già usciti o in dirittura d'arrivo, ma contando che al sedile di guida vi è un nome importante come Ubisoft, e che il marchio Ghost Recon non è certo da sottovalutare, ci aspettiamo di certo grandi cose da questo Ghost Recon Online.

Quindi quali sono le nostre impressioni? Beh, tanto per cominciare il tutto comincia in maniera veramente promettente, con un tutorial iniziale che vi spiegherà le basi di movimento e combattimento, illustrandovi in maniera chiara i comandi da utilizzare in gioco. Subito dopo il video introduttivo sarete guidati attraverso il semplice menu di gioco, che vi mostrerà come spendere alcuni dei Requisition Points (La valuta di gioco di Ghost Recon Online) gratuiti per comprare delle granate e come equipaggiarle. È un processo veloce, molto semplice e al contempo poco invadente, che vi guiderà passo passo fino alla vostra prima vera partita.



Avrete tre classi tra cui scegliere nel gioco; Assaltatore, Specialista e Ricognitore, le quali inizieranno tutte al livello 1 e verranno livellate in maniera indipendente a seconda di quanto le utilizzerete, guadagnando esperienza ogni match proprio come se foste in un RPG e sbloccando man mano nuovi modelli di armi ed equipaggiamento da acquistare.
L'assaltatore è il vostro tank di fiducia, sempre nel mezzo dell'azione e dotato di abilità che gli permetteranno di fare pressing costante sulle difese nemiche e far avanzare la propria squadra. Lo specialista si occupa in parte della difesa e in parte del supporto, armato di una mitragliatrice leggera e di uno shotgun per quei momenti in cui bisogna mettere al suo posto un nemico troppo baldanzoso che pensa che avanzare verso di voi sia una buona idea. Il ricognitore è allo stesso tempo uno scout e un cecchino, può andare in avanscoperta con la sua mitragliatrice leggera e il suo sensore in grado di rivelare le posizioni nemiche alla squadra, o può rimanere appostato nelle retrovie in attesa che la testa di qualche poveretto faccia capolino da una copertura e poi BOOM-Headshot.

Va aggiunta qui una piccola nota: nel caso non siate avidi giocatori di FPS o fan della serie, probabilmente potreste trovare le prime partite leggermente confusionarie, con vari simboli sconosciuti presenti sullo schermo, o effetti di abilità che non conoscete e che porteranno a morti apparentemente inspiegabili. Niente paura comunque, mentre i giocatori di FPS o della serie Ghost Recon non avranno probabilmente alcun problema ad ambientarsi, per gli altri ci vorrà giusto qualche match, assolutamente niente di insormontabile o che va a intaccare la giocabilità del titolo.



Caratteristica particolare è inoltre il funzionamento del sistema di classi, che permette una simbiosi tra i ruoli molto simile a quella che si può trovare nella classica trinità da MMORPG (Healer, Tank, DPS). Questo ovviamente non vuol dire assolutamente che ci sarà qualcuno che prende le botte, chi cura e chi si occupa del danno, ma che i giocatori dovranno abituarsi a collaborare con le altre classi sfruttando le risorse di ognuna e coprendo le debolezze della propria grazie all'aiuto degli altri se vogliono vincere il match. La collaborazione e la coordinazione nell'uso delle varie abilità di classe sono infatti essenziali in Ghost Recon Online, soprattutto se vi trovate nei panni degli attaccanti.

Le mappe sono davvero uno dei punti forti del gioco, e lasciano davvero soddisfatti, sia come dimensione che come struttura. Ognuna di esse ha infatti caratteristiche strutturali che permettono a tutte le classi di splendere; spazi ristretti e corridoi per gli assaltatori egli specialisti e lunghi corridoi e spazi aperti per i cecchini. L'unico neo per quanto riguarda le mappe, ironicamente non ha niente a che fare con la loro struttura. Il problema è infatti nel sistema di matchmaking, che al momento non permette di scegliere la mappa su cui giocare, sempre assegnata casualmente, e nonostante questo sia un tasto dolente che potrebbe far storcere il naso a qualche giocatore, siamo sicuri che sia solo una particolarità della beta su cui il team di sviluppo è già al lavoro.



Dopo aver giocato qualche match siamo riusciti a entrare in possesso di un bel gruzzoletto da spendere nel negozio. Da questo punto di vista Ghost Recon Online non propone niente di particolarmente innovativo, mantenendosi sul classico utilizzo di due differenti valute di gioco: i Requisition Points (RP)  e i Ghost Coins(GC). Va però spezzata una lancia a favore dello shop di Ghost Recon Online: a differenza di gran parte dei MMOFPS gratuiti, quando comprerete un'arma o una modifica o un equipaggiamento, qui, quest'ultima rimarrà vostra per sempre, senza date di scadenza. Se vi prenderete una pausa dal gioco quindi, quando ritornerete troverete tutto il vostro sudato equipaggiamento esattamente dov'era quando lo avete lasciato e non dovrete farmare altri soldi per ricomprarlo..

I Requisition Points sono guadagnati giocando e potrete usarli per comprare armi, equipaggiamento, granate, upgrade e modifiche per le vostre armi. Ovviamente meglio giocherete durante la partita, maggiore sarà il numero di RP con cui verrete ricompensati alla fine del match. Ci sono inoltre numerosi achievement di diverso tipo e obiettivi che vi faranno guadagnare ulteriori RP alla fine della partita.

I Ghost Coins sono la valuta Premium del gioco, acquistabile con soldi reali nel caso non abbiate il tempo o la pazienza di guadagnare l'equivalente quantità di RP necessari per un determinato acquisto. Eppure, e questo è un grosso punto a favore di Ghost Recon Online, tutti gli oggetti in gioco sono disponibili per entrambe le valute e presentano comunque un requisito di livello, rendendo così i Ghost Coin solo un mezzo per risparmiare tempo che non va a intaccare minimamente il bilanciamento del gioco.



In conclusione Ghost Recon Online è un gioco davvero valido per essere ancora in beta, e nonostante abbia ancora qualche fastidioso difetto come la modalità di selezione della mappa, la nostra esperienza di gioco è stata fluida e piacevole e siamo certi di poterlo considerare un gioco molto curato e quasi pronto per la release. Al momento ci sono solo una manciata di modalità e mappe, ma verranno sicuramente espanse col tempo, seguendo il classico ciclo vitale di tutti gli MMOFPS.

L'unico dubbio, però, trattandosi di un gioco con una forte enfasi sul lavoro di squadra, rimane sull'esperienza iniziale dei nuovi giocatori in quanto solo-player. I gruppi non organizzati trovati con il matchmaking sono, diciamolo, notoriamente scarsi nei tipici MMO, specialmente quando i giocatori sono alle loro prime esperienze e non hanno confidenza con classi, ruoli, mappe e cosa ci si aspetta da loro in team più grossi. Se non siete in un clan-gilda e giocate le prime partite in modo saltuario e casual, l'esperienza di gioco potrebbe risultare inizialmente frustrante, ma se provate a dargli una possibilità e qualche partita di tempo, siamo sicuri che Ghost Recon Online non vi deluderà, in quanto crediamo che sarà in grado di offrire un'esperienza di gioco davvero gradevole che nulla ha da invidiare ai MMOFPS avversari.

 

 





 

One Comment - "Ghost Recon Online"

  1. Sarmeco 05/10/2013 at 16:35 -

    Il sistema di gestione delle mappe matchmaking è rimasto lo stesso nella versione finale e lo preferisco di gran lunga a qualsiasi altro gioco in circolazione dove si è costretti a giocare sempre la stessa identica mappa in alcuni server.